Ellie Herman pilates

Scritto da Roberta Bezzi

DA OLTRE VENT'ANNI, LA MASTER INSTRUCTOR STATUNITENSE È CONSIDERATA UN'INNOVATRICE DEL PILATES CONTEMPORANEO. HA TRE STUDI A NEW YORK, MA INSEGNA IN TUTTO IL MONDO. HA SCRITTO UNA DECINA DI LIBRI E INVENTATO LO SPRINGBOARD PILATES.

Ellie Herman è una vera e propria autorità nel Pilates, grazie a una lunga e consolidata esperienza che pochi possono vantare nel settore. È, a tutti gli effetti, una innovatrice del Pilates contemporaneo, avendo anche inventato un attrezzo – lo Springboard – che consente di allenarsi ovunque in poco spazio. Ha tre studi Ellie Herman Pilates a New York, città in cui si è trasferita dopo anni passati in California, ha scritto una decina di libri, e insegna in tutto il mondo dal 1991. Di recente si è fatta conoscere anche in Italia, grazie alla sua partecipazione – in qualità di guest star – all’International Pilates Convention, organizzata dalla Federazione Italiana Fitness il 14 e 15 aprile al Centro Studi “La Torre” di Ravenna. Per l’occasione, ha tenuto lezioni sul tema pre & post parto, ma anche due workshop di approfondimento sul ginocchio e sul Pilates Reformer con rilascio di attestato specifico.

Ellie Herman, come è iniziata la sua grande passione per il Pilates?
«Nel 1989 quando era una ballerina professionista e una coreografa a San Francisco. All’apice di quell’esperienza, ho deciso di mettermi alla prova come wrestler professionista (ndr, lottatrice). La mia carriera come ‘Ruth Less’ è stata però presto interrotta da un grave infortunio al ginocchio, che si è verificato durante un incontro. Mentre giacevo sul pavimento con il ginocchio gonfio, mi sono maledetta per essere stata così stupida. Ma incredibilmente al dipartimento di Medicina della danza del St Francis Hospital di San Francisco sono riuscita a guarire con quella cosa misteriosa chiamata Pilates. Sono stata affidata nelle esperte mani di Elisabeth Larkham e, dopo mesi di riabilitazione Pilates e senza alcun intervento – normalmente consigliabile dopo una rottura del legamento crociato anteriore – sono tornata a danzare solo per il piacere di rendermi conto che potevo essere una ballerina migliore di quella che ero prima dell’infortunio. Il Pilates non mi ha permesso solo di tornare a saltare e a roteare, ma ha migliorato la mia tecnica, il controllo, l’equilibrio e la forza».

Una volta scoccata la scintilla, quali sono state le tappe principali della sua carriera?
«Nel 1991 ho frequentato il programma Masters Dance Alla New York University, dove la mia lezione preferita era quella di Mat Pilates con Kathy Grant, discepola di Joe Pilates. Kathy mi ha insegnato non solo che profondità e creatività potevano essere applicate al metodo Pilates, ma anche aiutato ad alleviare il crescente dolore all’anca che stavo provando a causa delle lezioni giornaliere di danza classica. Le sue lezioni mi hanno a tal punto ispirato che ho lasciato la New York University per seguire corsi di formazione per Pilates con Steve Giordano e con la maestra Romana Kyranowska, un’altra decana del Pilates. Nel 1992 ho aperto il mio primo studio a San Francisco, per poi aprirne un secondo a Oakland, in California, nel 2001. Ho anche conseguito un Master of Science in Agopuntura e Medicina erboristica cinese. Nel 2005 mi sono trasferita a Brooklyn, a New York, e ho aperto il mio Union Street Studio, poi il Class Annex nel 2008 e lo studio di Court Street nel 2012».

Lei è considerata un’innovatrice nel settore del Pilates contemporaneo. Secondo lei, cos’è il Pilates contemporaneo?
«È un Pilates influenzato dalla moderna ricerca sulla riabilitazione. Quando mi sono formata nei primi anni Ottanta, ancora non se ne sapeva nulla…».

Che c’è il Pilates Springboard che ha inventato?
«Nel 2003, ho inventato un pezzo di equipaggiamento per l’appunto chiamato Pilates Springboard. Si tratta di una variante economica e poco ingombrante del Pilates Cadillac. Come nel Cadillac, lo Springboard viene fornito con molle per le braccia e le gambe e un roll-bar. Realizzato in California da Balanced Body dal 2015, il mio Springboard è un modo perfetto per ottenere un allenamento per la resistenza dell’intero corpo negli studi Pilates di tutto il mondo o nel comfort della propria casa».

Come definirebbe il suo metodo Barre?
«Il mio Brooklyn Barre è un nuovo programma di fitness, un mix intelligente di esercizi funzionali pensati per persone di tutte le età e di tutti i livelli. Dopo 25 anni di insegnamento Pilates, ho individuato quelli che ritengo siano gli esercizi più importanti per mantenere il corpo in salute, senza lesioni e con un bell’aspetto. Come detto, ho mescolato esercizi funzionali che combinano sequenze di Pilates Matwork e Springboard, squat, affondi, planks e movimenti base di danza, utili per tonificare e rafforzare il corpo anche dal punto di vista cardio, proteggendo al contempo le preziose ginocchia e la colonna vertebrale! Il mio metodo viene praticato con l’ausilio di yoga block, yoga blanket, Gertie Ball e Theraband. Il mio intento è quello di creare un regime di fitness che potrebbe essere praticato anche nella cella di una prigione. Pur avendo accesso a uno studio Pilates dotato di tutti gli accessori, è l’ideale a dimostrazione di come la completa forma fisica possa essere raggiunta anche con un po’ di spazio sul pavimento. La cosa più importante, quando si fa qualsiasi tipo di allenamento, è che la forma sia corretta».

A suo avviso, quanto è importante il Pilates per il benessere delle persone?
«Il Pilates può guarire le persone dalle malattie croniche e consentire la riabilitazione a seguito di infortuni. Mantiene il corpo in equilibrio e fa sì che le articolazioni mantengano un corretto allineamento, dando longevità. Il Pilates consente di invecchiare con grazia, perché come diceva il suo inventore Joseph Pilates: “Sei solo vecchio come la tua colonna vertebrale” ».

Quali sono le principali caratteristiche del suo metodo di insegnamento che conduce annualmente nel suo studio?
«La principale differenza rispetto alle altre scuole americane di Pilates è che io insegno personalmente il repertorio completo agli allievi. Il che significa che i miei allievi possono studiare dall’inizio alla fine con lo stesso maestro».

Cosa fa di lei un Master Instructor?
«Ho oltre 25 anni di esperienza nell’insegnamento del Pilates e oltre 20 nell’insegnamento di istruttori. Ho scritto dieci libri di Pilates, tra cui “Pilates for Dummies” e ho inventato il Pilates Springboard, un attrezzo che da undici anni vendo a livello internazionale. Ho girato il mondo per insegnare e tenere conferenze in scuole e studi privati. Ogni anno la mia formazione per insegnanti di Pilates migliora un po’, perché continuo a imparare ed evolvere. I miei allievi traggono vantaggio da tutto ciò e si diplomano con una conoscenza più profonda non solo del Pilates classico ma anche di nuovi esercizi, variazioni e modifiche. Nei corsi di formazione per insegnanti tengo conto di particolari problematiche, in modo che i miei istruttori possano lavorare agevolmente anche con donne in gravidanza o post-parto, anziani e clienti con qualsiasi tipo di lesione cronica o acuta. I miei istruttori sono di livello mondiale non solo perché si allenano con un Master ma anche perché sono circondati da brillanti trainer di diverse generazioni in tutti i miei studi. Sono inoltre sempre calorosi e sempre contenti di prendere nuovi allievi sotto la loro ala. Chi è interessato a diventare specialista della riabilitazione può osservare i nostri istruttori Master di riabilitazione, come Denise Small, che offre anche una riabilitazione annuale intensiva. Altre scuole di formazione per insegnanti, invece, usano spesso istruttori inesperti per insegnare la loro formazione o per insegnare a più persone diverse. Ho incontrato molti istruttori di Pilates da tutto il mondo e in molti casi sono rimasta sconvolta dal loro scarso livello di allenamento. Non c’è nulla che valga anni di esperienza!».

Può raccontare un aneddoto o un episodio interessante che le è capitato nel corso della sua carriera?
«Mi sono capitate molte belle storie nel corso del mio lungo percorso. Una memorabile riguarda una donna che ho aiutato in Grecia: da anni zoppicava vistosamente e provava molto imbarazzo a camminare fuori casa. Ho passato un’ora a insegnarle come camminare bene, a fare piccoli passi, usando il suo gluteo medio per stabilizzare il bacino, e lei si è immediatamente trasformata. Il giorno dopo volevo ‘utilizzarla’ come esempio di debole gluteo medio per la mia classe, ma lei stava camminando normalmente!».

Com’è considerato attualmente il Pilates negli Stati Uniti? È praticato più nelle palestre o negli Studi?
«Negli Usa, il miglior Pilates viene insegnati in studi privati completamente attrezzati. Le palestre offrono normalmente le classi Matwork».

Letto 1505 volte

Lascia un commento

Verifica che tutti i dati nei campi con (*) siano inseriti. Non è permesso l'inserimento di codice HTML.