IL PILATES E IL POSTURAL TRAINING NELLA CURA DEL MAL DI MOUSE

Scritto da Michele Manca

Che cos’è la sindrome da mouse e quali sono gli esercizi posturali e del metodo Pilates per prevenirla e combatterla


L’era digitale ha portato molti benefici alla vita moderna, ma anche tanti svantaggi a discapito del nostro benessere. Inoltre con il diffondersi dello smart working la vita sedentaria è sempre più intensa con un conseguente peggioramento del nostro stile di vita e del nostro stato di salute. Il costante utilizzo dei dispositivi elettronici e nello specifico del PC e del mouse hanno aumentato il diffondersi di diverse patologie degenerative soprattutto a carico dell’arto superiore con inevitabili conseguenze sull’articolazione del polso e della mano. Queste problematiche sono decisamente fastidiose, arrivando a diventare talvolta invalidanti e sempre più frequenti, tanto da essere definite come “mal di mouse” o ancora più comunemente conosciute come sindrome da mouse.

mouse

I continui e invariati movimenti necessari per spostare il mouse, a lungo andare, possono causare tensione muscolare, infiammazione dei tendini e/o una irritazione dei nervi che forniscono sensibilità alle dita. Inoltre la ripetibilità dei movimenti della mano in estensione e la postura non corretta del corpo e del braccio sono ulteriori elementi a rischio di sovraccarico funzionale. La sindrome da mouse quindi, si manifesta proprio a causa di un’eccessiva attività muscolo-tendinea esercitata dall’utilizzo prolungato del mouse, in questo modo si crea una forte tensione ai muscoli estensori del carpo, una riduzione della capacità di estensione della mano, con un danno locale acuto di tipo flogistico. Nella fase di cronicizzazione si potrebbero avere gravi limitazioni funzionali con estensione alle strutture vicine, compromettendo di conseguenza il microcircolo di uno o tutti i compartimenti del segmento interessato.

I sintomi avvertiti sono: dolore crescente, localizzato alla base del polso e del pollice che si acutizza durante i movimenti, difficoltà funzionale nel muovere l’articolazione radio-carpica nel range fisiologico, tumefazioni nella zona di maggior algia. Se questo problema viene trascurato non intervenendo per tempo con un trattamento di tipo conservativo e preventivo/comportamentale, il disturbo può determinare: debolezza in termini di forza, formicolio e una forte limitazione dei movimenti della mano. Da qui potrebbero nascere e svilupparsi nel tempo diverse patologie muscolo scheletriche del distretto mano-polso, tra cui le più frequenti: la sindrome del tunnel carpale, il morbo di De Quervain, l’epicondilite. Soltanto una piena attuazione di un buon percorso di prevenzione può creare le premesse per raggiungere le giuste condizioni di salute e benessere e poter garantire una buona ripresa sia nel lavoro che nel quotidiano. A tal proposito è fondamentale acquisire una corretta postura quando si lavora al computer tenendo conto di alcuni accorgimenti come digitare sulla tastiera con avambracci, polsi e mani correttamente allineati, tenere la tastiera leggermente inclinata e posizionata ad un livello più basso rispetto alla scrivania, proprio per mantenere i polsi in una posizione neutra ed evitate di battere i tasti utilizzano più forza di quanta necessaria, che inoltre potrebbe anche provocare l’insorgenza del dito a scatto. Il mouse andrebbe collocato molto vicino alla tastiera, l’avambraccio dovrebbe essere appoggiato sul piano della scrivania per garantire che il braccio sia completamente in scarico, in questo caso si eviterebbero tensioni e contratture muscolari che possono scatenare problematiche come l’epicondilite, nota anche come gomito del tennista. Il polso dovrebbe stare in una posizione neutra durante l’utilizzo del mouse, evitando di piegarlo e mantenendo la mano distesa il più possibile, cliccando sui tasti con tocco leggero. Sarebbe molto utile imparare ad utilizzare il mouse con entrambe le mani per garantire un recupero della mano abitualmente coinvolta nel lavoro. L’utilizzo di mouse ergonomici, progettati per ridurre i movimenti e quindi evitare stress alle articolazioni, aiutando sicuramente a mantenere una postura più corretta, può diventare un valido strumento utile a prevenire l’insorgere di queste problematiche, ma sicuramente non può essere considerato la soluzione definitiva. Ormai, quindi, è provato che alla base di questi disturbi vi è la postura scorretta e i movimenti sistematici e ripetitivi ed è necessario fare prevenzione per non arrivare all’ intervento chirurgico che da una parte può risolvere il dolore ma dall’ altra non garantisce la ripresa della totale funzionalità se non seguita poi da una corretta riabilitazione. Una posizione rilevante assume quindi l’attività fisica mirata che con esercizi specifici punta a decontrarre la muscolatura ipertonica sull’avambraccio e a decomprimere i tessuti e le strutture coinvolte. Si tratta di protocolli di lavoro con esercizi globali di allungamento muscolare e mobilità articolare della catena trasversa superiore (spalla, gomito, polso, dita) e specifici sui muscoli estensori del carpo e pronatori della mano. Bisogna quindi partire dal concetto che il recupero e la prevenzione di tali problematiche parte dal movimento e quindi “più movimento significa più salute”. Il movimento in questo caso non solo per allenare le capacità migliori, ma soprattutto per recuperare le criticità tramite esercizi fisici, indispensabili per migliorare il limite biologico e ritardare l’insorgere delle condizioni cronico- degenerative. Prima di intraprendere un percorso di esercizi è necessario effettuare un’adeguata valutazione, di competenza medico-specialistica, riguardo la flessibilità del cingolo scapolare, la perdita di funzionalità della spalla e dell’arto superiore in toto, in correlazione di eventuale compresenza di fibrosi muscolari del fascio superiore del muscolo trapezio connesso con tutte le brachialgie e complice dei disturbi di spalla, gomito e mano.

Gli esercizi qui proposti per le problematiche legate al polso possono essere utilizzati sia a scopo preventivo che conservativo e prevedono un approccio che non è localizzato alla sola regione del polso (questo non porterebbe a grandi risultati) ma intervengono su più distretti, come avambraccio, spalle e rachide cervicale e possono essere inseriti all’interno di una lezione di gruppo o ancora meglio nel PT.


mouse 2

SEQUENZA DI ESERCIZI CON UTILIZZO DI DUE PALLINE PROPRIOCETTIVE

Posizione del bambino (palline da far scorrere sotto la linea del polso)
- Mobilità del tratto cervicale e dorsale con esercizi simmetrici ed asimmetrici

In ginocchio (palline in presa nelle mani)
- Intrarotazione ed extrarotazione dei polsi con circonduzione dei gomiti
- Ventaglio
- Intra/extrarotazione cingolo scapolo-omerale
- Mermaid
- Circonduzione con torsione toracica
- Da eseguire con ogni singolo arto alternando destra e sinistra

In quadrupedia:
- Sternum drop con flessione contro resistenza al suolo del dorso della mano
- Traslazione del rachide in avanti e indietro con estensione ed extrarotazione contro resistenza al suolo del palmo della mano
- Mobilità delle dita.

GUARDA IL VIDEO

 

Letto 372 volte Utima modifica effettuata Martedì, 04 October 2022 11:19

Lascia un commento

Verifica che tutti i dati nei campi con (*) siano inseriti. Non è permesso l'inserimento di codice HTML.