Contattaci su Facebook Contattaci su WhatsApp

MICROBIOTA, IL NOSTRO SECONDO CERVELLO

Scritto da Antonino Leone

Come l’esercizio fisico influenza il nostro Microbiota


ESERCIZIO E MICROBIOTA

Lo stile di vita sedentario è legato a cattive condizioni di salute, più comunemente obesità e disturbi associati, il corollario è che l’esercizio offre una strategia preventiva. Tuttavia, l’ambito della biologia dell’esercizio si estende ben oltre il dispendio energetico ed è emersa come una grande “polipillola”, che è sicura, affidabile ed economica non solo nella prevenzione delle malattie ma anche nel trattamento. I meccanismi biologici attraverso i quali l’esercizio influenza l’omeostasi stanno diventando più chiari e coinvolgono adattamenti sistemici multi-organo. La maggior parte degli elementi di uno stile di vita moderno influenza il microbiota indigeno. Recenti studi hanno valutato la relazione tra livelli estremi di esercizio, abitudini alimentari associate e composizione del microbiota intestinale arrivando alla conclusione che l’esercizio può esercitare un’influenza diretta o indiretta sul microbiota intestinale.


INTERAZIONI RECIPROCHE TRA ESERCIZIO, INTEGRATORI SPORTIVI E MICROBIOTA

Il microbiota intestinale adulto contiene trilioni di microrganismi di migliaia di specie diverse. Solo un terzo del microbiota intestinale è comune alla maggior parte delle persone; il resto è specifico e contribuisce a migliorare la variazione genetica. I microrganismi intestinali influenzano in modo significativo la nutrizione dell’ospite, la funzione metabolica, il sistema immunitario e i livelli di ossidoriduzione e possono essere modulati da diverse condizioni ambientali, tra cui l’attività fisica e l’esercizio. Il microbiota agisce anche come un organo endocrino ed è sensibile ai cambiamenti omeostatici e fisiologici associati all’allenamento; a sua volta, è stato dimostrato che l’esercizio aumenta la diversità del microbiota, migliorando di conseguenza il profilo metabolico e le risposte immunologiche. D’altra parte, l’adattamento all’esercizio potrebbe essere influenzato dal microbiota intestinale individuale che regola l’equilibrio energetico e partecipa al controllo dello stato infiammatorio, redox e di idratazione. Un intenso esercizio di resistenza provoca richieste fisiologiche e biochimiche e richiede misure adeguate per contrastare lo stress ossidativo, la permeabilità intestinale, lo squilibrio elettrolitico, l’esaurimento del glicogeno, le frequenti infezioni del tratto respiratorio superiore, l’infiammazione sistemica e le risposte immunitarie. Il microbiota potrebbe essere uno strumento importante per migliorare la salute generale, le prestazioni e la disponibilità di energia, controllando al contempo l’infiammazione e i livelli di ossidoriduzione negli atleti di resistenza.

immagine1


L’ESERCIZIO MODIFICA IL MICROBIOTA INTESTINALE CON EFFETTI POSITIVI SULLA SALUTE

Il tratto gastrointestinale umano (GIT) è abitato da un ampio gruppo di microrganismi che svolgono funzioni protettive, strutturali e metaboliche per la mucosa intestinale. Il microbiota intestinale è coinvolto nelle funzioni di barriera e nel mantenimento della sua omeostasi. Fornisce nutrienti, partecipa alla rete di segnalazione, regola lo sviluppo epiteliale e colpisce il sistema immunitario. Considerando la capacità del microbiota di rispondere ai cambiamenti omeostatici e fisiologici, alcuni ricercatori hanno proposto che possa essere visto come un organo endocrino. L’evidenza suggerisce che diversi fattori possono determinare cambiamenti nel microbiota intestinale. Questi cambiamenti possono essere sia quantitativi che qualitativi con conseguenti variazioni della composizione e dell’attività metabolica del microbiota intestinale che, a sua volta, può influenzare la salute e diversi processi patologici. Studi recenti suggeriscono che l’esercizio può aumentare il numero di specie microbiche benefiche, arricchire la diversità della microflora e migliorare lo sviluppo di batteri commensali. Tutti questi effetti sono benefici per l’ospite, migliorandone lo stato di salute.


ALIMENTARE I MICROBI INTESTINALI: UNA RASSEGNA DELL’INTERAZIONE TRA DIETA, ESERCIZIO FISICO E MICROBIOTA INTESTINALE NEGLI ATLETI

L’obiettivo dell’atleta è ottimizzare le proprie prestazioni. A tal fine, la nutrizione è stata utilizzata per migliorare la salute del cervello, delle ossa, dei muscoli e del sistema cardiovascolare degli atleti. Tuttavia, ricerche recenti suggeriscono che l’intestino e il suo microbiota residente possono anche svolgere un ruolo nella salute e nelle prestazioni degli atleti. Pertanto, gli atleti dovrebbero considerare le strategie dietetiche nel contesto dei loro potenziali effetti sul microbiota intestinale, compreso l’impatto delle strategie dietetiche incentrate sullo sport (ad esempio, integratori proteici, carico di carboidrati) sul microbiota intestinale, nonché gli effetti di strategie dietetiche (es. probiotici, prebiotici) sulle prestazioni. Le prove attuali suggeriscono che il microbiota intestinale potrebbe, in teoria, contribuire agli effetti dell’assunzione dietetica sulle prestazioni atletiche influenzando la produzione di metaboliti microbici, la fisiologia gastrointestinale e la modulazione immunitaria. Strategie dietetiche comuni come l’assunzione di proteine ​​​​e carboidrati semplici, l’assunzione di poche fibre e l’evitamento del cibo possono avere un impatto negativo sul microbiota intestinale e, di conseguenza, sulle prestazioni. Al contrario, l’assunzione di fibre alimentari adeguate, una varietà di fonti proteiche e l’enfasi sui grassi insaturi, in particolare gli acidi grassi omega-3 (Ω-3), oltre al consumo di prebiotici, probiotici e sinbiotici, hanno mostrato risultati promettenti nell’ottimizzazione salute e prestazioni dell’atleta.

colon


PROBIOTICI: QUANTI, QUALI E COME USARLI…

I probiotici sono microrganismi vivi che, se somministrati in quantità adeguate, conferiscono un beneficio per la salute dell’ospite.

La somministrazione di probiotici è stata collegata a una moltitudine di benefici per la salute, con l’intestino e la salute immunitaria che sono le applicazioni più studiate. Nonostante l’esistenza di meccanismi condivisi e fondamentali per la funzione probiotica, i benefici per la salute dei probiotici dipendono dal ceppo e dalla dose. Gli atleti hanno un intestino variabile nelle composizioni del microbiota che sembrano riflettere il livello di attività dell’ospite rispetto alle persone sedentarie, con differenze legate principalmente al volume di esercizio e alla quantità di consumo di proteine. La funzione principale dell’intestino è di digerire il cibo e assorbire i nutrienti. Nelle popolazioni atletiche, alcuni ceppi di probiotici possono aumentare l’assorbimento di nutrienti chiave come gli aminoacidi dalle proteine ​​e influenzare la farmacologia e le proprietà fisiologiche di molteplici componenti alimentari. La depressione immunitaria negli atleti peggiora con un carico di allenamento eccessivo, stress psicologico, disturbi del sonno, ed estremi ambientali, che possono tutti contribuire a un aumento del rischio di infezioni del tratto respiratorio. In determinate situazioni, tra cui l’esposizione alla folla, i viaggi all’estero e la scarsa igiene domestica e gli allenamenti o le sedi delle competizioni, l’esposizione degli atleti agli agenti patogeni può essere elevata portando a un aumento dei tassi di infezioni. Circa il 70% del sistema immunitario si trova nell’intestino e l’integrazione di probiotici ha dimostrato di promuovere una sana risposta immunitaria. In una popolazione atletica, specifici ceppi di probiotici possono ridurre il numero di episodi, la gravità e la durata delle infezioni del tratto respiratorio superiore. È stato dimostrato che l’esercizio fisico intenso e prolungato, soprattutto al caldo, aumenta la permeabilità intestinale che potenzialmente può provocare tossiemia sistemica . Ceppi probiotici specifici possono migliorare l’integrità della funzione di barriera intestinale negli atleti. La somministrazione di ceppi probiotici antinfiammatori selezionati è stata collegata a un migliore recupero da esercizi che danneggiano i muscoli. La dose minima efficace e il metodo di somministrazione (potenza per porzione, dose singola o frazionata, modulo di consegna) di un ceppo probiotico specifico dipende dagli studi di convalida per questo particolare ceppo. I prodotti che contengono probiotici devono includere il genere, la specie e il ceppo di ciascun microrganismo vivo sull’etichetta, nonché la quantità totale stimata di ciascun ceppo probiotico alla fine della durata di conservazione del prodotto, misurata dalle unità formanti colonie (CFU) o cellule vive. La ricerca preclinica e precoce sull’uomo ha mostrato potenziali benefici probiotici rilevanti per una popolazione atletica che includono una migliore composizione corporea e massa corporea magra, normalizzazione dei cali di testosterone legati all’età, riduzioni dei livelli di cortisolo che indicano migliori risposte a un fisico o stress mentale, riduzione del lattato indotto dall’esercizio e aumento della sintesi, della cognizione e dell’umore dei neurotrasmettitori.

Letto 475 volte Utima modifica effettuata Martedì, 04 October 2022 11:26

Lascia un commento

Verifica che tutti i dati nei campi con (*) siano inseriti. Non è permesso l'inserimento di codice HTML.