Il manuale di calisthenics

Scritto da ederico Fignagnani, Andrea Neyroz, Marco Mazzesi, Deborah Carone

TUTTI GLI ESERCIZI FONDAMENTALI ED AVANZATI DESCRITTI DAL TEAM DOCENTI FEDERALI DEL SETTORE KALISTHENICS PER GUIDARE PASSO DOPO PASSO L’ATLETA ALLA CONQUISTA DI TUTTI I SUOI OBIETTIVI

Per questo numero di Performance abbiamo deciso di regalarvi un estratto dalla sezione Front Lever del libro “Manuale di Calisthenics” scritto dal team di autori Federico Fignagnani, Andrea Neyroz, Marco Mazzesi e Deborah Carone, prodotto da Elika editrice. “Abbiamo cercato durante la scrittura del manuale di metterci sempre nei panni dell’atleta che, partendo dai concetti teorici di impostazione dell’allenamento, cerca di costruire i prerequisiti fisici e conquistare passo dopo passo tutti gli obiettivi che si può prefiggere nel mondo calistenico.
Abbiamo cercato di nominare, raggruppare e descrivere tutti gli esercizi fondamentali ed avanzati per accompagnare il lettore nel suo allenamento, non solo dal punto di vista di tabelle di allenamento ma anche dal punto di vista descrittivo/teorico per progredire in maniera veloce e corretta senza incappare in infortuni o stalli nella propria progressione atletica.”


IMPOSTAZIONE E ALLENAMENTO DEL FRONT LEVER

Come raggiungere la posizione finale perfetta partendo dalle basi.

cali 1

Il Front Lever è uno degli elementi più rappresentativi del Calisthenics, ambito dai neofiti e allenato dagli atleti per raggiungere le sue variazioni tecniche più difficili. è la skill fondamentale di tirata e il suo allenamento corretto porta ad un accumulo di forza da trasferire in altre skill come la Human flag. Per realizzarlo nella maniera corretta si dovrà partire da esercizi di condizionamento e di rinforzo specifico considerando comunque che l’atleta che si vuole approcciare a questa skill finale dovrà padroneggiare tutti gli esercizi di preparazione fisica generale per quanto riguarda la tirata, in particolare gli esercizi di trazione scapolare, trazione australiana, trazione alla sbarra.

cali 2

Per quanto riguarda la parte dedicata ai muscoli del core, sarà fondamentale non solo lo studio della hollow position (in quanto il front lever deve essere allineato e non troppo rotondo) ma soprattutto trovare, come per la verticale, un bilanciamento degli atteggiamenti prono e supino. Ultimo ma non meno importante requisito per poter allenare con la corretta progressione il front lever sarà la chiusura del busto con gambe unite, sia passiva che attiva, come i “toes to bar” o i “leg raises”.


IMPOSTIAMO IL DRAGON FLAG

cali 3

Il dragonflag è un esercizio fondamentale perché aiuta il neofita a scoprire tutti gli scarichi di leva del front lever. Una volta impostata la posizione di candela corretta alla spalliera eseguiremo contrazioni eccentriche, isometriche e concentriche nelle varie leve di front lever.


CRUNCH INVERSO ALLA SPALLIERA E DRAGON FLAG

cali 4cali 5

Ci posizioniamo alla spalliera, supini con le mani strette al piolo e proiettiamo il corpo in alto verso la candela. Viene eseguito inizialmente a braccia flesse con le componenti brachiali parallele fra loro poi, con l’aumentare della forza specifica, a braccia tese. Inizialmente è consigliabile rinforzare la candela finale, eseguita perfettamente come nella sua versione propedeutica alla verticale con mani a terra. Il bacino dovrà essere in retroversione + estensione mentre le gambe saranno tese e perfettamente allineate al corpo, perpendicolari al suolo. Per il neofita questo può essere già un primo obiettivo da dover raggiungere attraverso l’esercizio del crunch inverso applicato alla candela dove mantenendo le gambe perpendicolari e la schiena appoggiata al suolo spinge i piedi verso l’alto pensando di tirare il piolo mentre estende le anche. Una volta impostato e rinforzato l’esercizio precedente si scenderà dalla candela, mantenendo le attivazioni corporee corrette, verso la posizione di Dragonflag.
Inizialmente si cercherà dalla candela l’impostazione della leva corporea per poi scendere in maniera controllata e bloccare l’isometria circa a 45° tra spalliera e suolo, in una delle seguenti leve:

  • Tuck advanced: gambe raccolte al petto con un angolo tra busto e cosce di 90°.
  • One leg: una gamba completamente raccolta al petto e l’altra tesa in linea.
  • One leg advance: una gamba raccolta con angolo tra busto e coscia di 90° e l’altra gamba tesa.
  • Straddle: posizione a gambe tese divaricate.
  • Full: posizione a gambe tese unite.

NOTE SULL’ALLENAMENTO DEL FRONT LEVER ISOMETRICO

Arrivati a questo punto si inizierà a lavorare la prima isometria di Front Lever in Tuck. Un errore che tanti atleti fanno nell’approcciare queste skill con corpo orizzontale è il voler arrivare prima possibile alla posizione Full finale allenando solo isometrie ed eccentriche (eventualmente aiutandosi scalando la resistenza degli elastici). Una volta poi arrivati al full pensano di poter ottenere varianti tecniche come i pull up in full direttamente. Lo studio degli esercizi di preparazione specifica va curato e svolta progressivamente in tutte le fasi propedeutiche. Raise, Pull Up, Pull sono tutti esercizi che vanno studiati già in fase preparatoria nelle versioni tuck, tuck advance, one leg e così via, per arrivare alla versione full con la padronanza completa di tutti i movimenti che passano per il punto che vogliamo fermare e controllare in isometria.


ALLENAMENTO DEL FRONT LEVER TRAMITE L’AUSILIO DI ELASTICI

cali 6 

Per sostenere il corpo nell’esecuzione di alcuni dei prossimi esercizi, oltre che usare l’elastico con i piedi come si è fatto fino ad ora, lo useremo dietro la schiena come una cintura, tenendolo con le mani salde alla sbarra. Ricordate sempre che il nostro obiettivo è scalare l’elastico fino al corpo libero e quindi è importante allenare gli esercizi con l’elastico per comprenderne gli schemi motori ma è altrettanto fondamentale il riuscire a eseguire gli stessi esercizi a carico naturale. Seguendo i principi di sviluppo della forza spiegati in precedenza vedremo nella sezione dei programmi come poter affrontare in modo corretto lo sviluppo delle posizioni propedeutiche.


DAI TUCK FRONT LEVER RAISE ALLE ISOMETRIE TUCK /TUCK ADVANCED

cali 7cali 8 

Iniziamo a rinforzare in maniera specifica l’angolo di front lever sfruttando una variante dei leg raise alla sbarra uniti a un’azione di retrazione scapolare a braccia tese trasformando l’esercizio in un vero e proprio pull down a corpo libero. Una volta compresi e allenati i reclutamenti corretti dei raise in front lever, iniziamo a fermare l’isometria con il dorso parallelo al suolo mantenendo una forte adduzione/depressione scapolare e continuando a spingere la sbarra verso il basso.

cali 9

Obiettivo del nostro allenamento arrivati a questo punto sarà riuscire ad aprire l’angolo busto-cosce pochi gradi alla volta fino a raggiungere e superare i 90°.


ONE LEG FRONT LEVER E ONE LEG ADVANCED FRONT LEVER

cali 10 

Per eseguire il one leg front lever partiamo dal tuck front lever ed estendiamo una gamba in avanti creando così una linea orizzontale tra dorso, glutei e gamba mentre l’arto controlaterale è raccolto al petto.
Con l’allenamento di questa forma di front lever, attraverso le isometrie dirette e la preparazione specifica (non solo in one leg ma anche in tuck advanced) si raggiungerà il one leg advanced front lever, ovvero si sarà in grado di allontanare la gamba raccolta dal petto fino a raggiungere con essa un angolo di 90° rispetto al busto, sempre mantenendo l’altra gamba tesa allineata perfettamente al corpo parallelo alla linea del suolo.
In seguito, una volta allenata questa leva corporea con le isometrie e attraverso gli esercizi dinamici, alleniamo le versioni straddle, half lay e full ripercorrendo gli stessi metodi.


ESERCIZI DINAMICI DI PREPARAZIONE SPECIFICA FRONT LEVER
 

RAISE
Come abbiamo già visto nella versione tuck in fase propedeutica, partiamo dalla sospensione completa alla sbarra e tiriamo quest’ultima premendola verso il basso e spingiamo il bacino su verso l’alto fino a raggiungere il front lever di passaggio o la candela inversa a seconda del programma (1/2 rom o full rom).

cali 11cali 12

PULL
Partiamo dalla posizione isometrica di front lever e continuando l’azione di tirata a braccia tese, premiamo verso il basso la sbarra mentre spingiamo il bacino verso l’alto fino a raggiungere con il corpo l’attrezzo per poi ritornare lentamente in posizione di front lever.

cali 13cali 14

PULL UP
Partendo dal Front lever eseguiamo un pull up pensando di portare i gomiti verso il basso mentre manteniamo il corpo parallelo al suolo. In un primo momento alleniamo il movimento ½ rom per rinforzare lo sblocco della trazione e, mantenendo la postura scapolare di depressione/adduzione, flettiamo le braccia controllando la piccola fase eccentrica di trazione, stabilizzando ogni volta il front lever. Allenando e rinforzando il movimento saremo in grado di eseguire Pull up con rom sempre più ampio fino ad arrivare nel tempo a eseguirli full rom.

…Un breve spaccato del nostro “Manuale di Calisthenics” edito da Elika che ci auguriamo abbia stimolato la tua curiosità e il tuo interesse...
Ti aspettiamo in libreria!

Letto 200 volte Utima modifica effettuata Lunedì, 27 September 2021 16:56

Lascia un commento

Verifica che tutti i dati nei campi con (*) siano inseriti. Non è permesso l'inserimento di codice HTML.