Venerdì, 26 February 2021 12:29

Il mondo dello sport abbandonato dal Governo

Scritto da Redazione FIF
Vota questo articolo
(0 voti)

La Federazione Italiana Fitness ringrazia Il Resto del Carlino che, per l'edizione cartacea del 26 febbraio 2021, ha intervistato il vicepresidente della FIF Marco Neri in merito alle restrizioni contro la diffusione del Covid19 e alle ricadute che queste hanno avuto sulle palestre e i centri sportivi.

Marco Neri in particolare sottolinea l'impegno per scongiurare la chiusura dei centri: "Abbiamo mandato al CTS tramite Antonio Paoli, docente all'Università di Padova, una serie di studi che facevano emergere come le paleste non figurassero nei primi trenta posti per il rischio dei contagi. Non ci hanno mai risposto. Nulla. Ignorati totalmente. ma tutto il mondo dello sport è stato ignorato. Anzi, continua ad esserlo".

Esprime lo scoramento del settore "Lo sport è (...) un mondo fatto di attività motoria per i giovani, per gli anziani, tutti dimenticati" e continuna "...chi fa lezioni individuali mantiene una distanza maggiore di quella che ha un massaggiatore, un'estetista o una parrucchiera da un cliente. Loro possono lavorare, a noi è vietato. Abbiamo chiesto di avere dati scientifici sui contagi in palestra. Non ci ha risposto nessuno. Non c'è nulla di scientifico che stabilisca che in palestra ci si contagi.

La conclusione è che la prolungata chiusura metta a rischio il posto di lavoro di moltissimi operatori, nonostante siano stati effettuati gli adeguamenti richiesti, e nessuna palestra sia stata trovata fuori regla. La speranza è di poter ripartire presto.

L'intera intervista è disponibile a questo link.

 

Letto 274 volte

Lascia un commento

Verifica che tutti i dati nei campi con (*) siano inseriti. Non è permesso l'inserimento di codice HTML.