Corporate wellness, un nuovo mercato nel mondo del fitness!

Scritto da Roberto Coda-Zabetta

NASCE UN NUOVO PROGETTO DELLA FIF ACADEMY IN PARTNERSHIP CON MATRIX FITNESS PER EROGARE SERVIZI FITNESS E WELLNESS DIRETTAMENTE AI DIPENDENTI E COLLABORATORI DELLE AZIENDE DI TUTTI I SETTORI.

Sempre più spesso i trainer trovano notevoli difficoltà a proporsi nel mercato a loro conosciuto ovvero quello del Fitness Club o Wellness Club. I problemi sono molteplici e non esiste una sola causa purtroppo, le capacità professionali non sempre fanno la differenza. Lo sviluppo di piccoli centri ad alta professionalità e la proposta di Personal Trainer è certamente una valvola di sfogo per chi è intraprendente, ma esiste un mercato del tutto inesplorato e potenzialmente in sviluppo esponenziale. Questo mercato è rappresentato dal Corporate Wellness ovvero la possibilità per le aziende dei settori più disparati di erogare servizi inerenti all’attività fisica e alla salute a dipendenti e collaboratori. Ovvio che il nostro Paese non è certo ai primi posti nel ranking per numero di aziende che stanno focalizzandosi su questo benefit, ma il numero delle stesse sta aumentando con quote di crescita ben più grandi di altri mercati complementari ai Club Fitness.

Se da un lato quindi le aziende produttrici di attrezzature hanno percepito il trend, dall’altra parte è assolutamente carente il bacino di potenziali trainer a disposizione per consentire il vero decollo di questo settore. Il trainer è centrale e strategico, ma ha la necessità di formare la propria capacità professionale ovviamente non tanto dal lato tecnico, ma principalmente su altre skill quali: approccio e relazione, conoscenza delle specifiche esigenze, coaching e non ultimo flessibilità nelle proposte.

APPROCCIO E RELAZIONE
La relazione empatica è una base per la professione del trainer. è ancor più fondamentale in una situazione quale quella della gestione dello stile di vita di dipendenti/manager e titolari di una azienda. Le modalità di approccio devono essere più d’una e devono tenere in considerazione fattori in alcuni casi misconosciuti, ma sostanziali in un equilibrio di relazioni aziendali. L’attenzione è non solo per come il trainer si pone, ma come i diversi soggetti si pongono tra loro e la gestione del tutto può essere la chiave del successo come, al contrario, generare rischi non indifferenti.

CONOSCENZA DELLE SPECIFICHE ESIGENZE
Il focus della Federazione Italiana Fitness, in partnership con Matrix Fitness nel progetto Corporate Wellness, consiste nel proporre ai futuri Corporate Trainer la formazione tecnica su specifici protocolli funzionali e posturali adeguati alle specifiche esigenze. In palestra sappiamo tutti che una buona analisi del background del nostro potenziale utente è estremamente importante; spesso però non ci interroghiamo su ciò che il nostro utente/cliente fa durante la sua giornata. Il tipo di professione e le sue abitudini potrebbero darci delle indicazioni importanti sul percorso o sui percorsi da proporre. Se nel Fitness Club questa sensibilità sta incominciando a manifestarsi, nel Corporate Wellness è una “condicio sine qua non”. L’attività e i programmi di allenamento sono funzionali (parola spesso utilizzata a sproposito…) a ciò che avviene per la maggior parte della giornata e a ciò che dopo l’allenamento avverrà nel prosieguo della vita lavorativa. è necessario ricordare sempre che la proposizione della attività fisica non deve inficiare, ma favorire il tempo restante del nostro utente, anzi deve ampliarne in generale le possibilità.

COACHING
Ormai questa parola è banalizzata da un abuso più o meno consapevole. Nel caso specifico il “wellness coach ” in azienda lavora in modo trasversale su necessità personali o di gruppi perché facenti parte di ruoli simili all’interno dell’azienda. Lo stile di vita è il focus del corporate coach e quindi il supporto è effettivamente a 360° (brutta definizione, ma chiara…). Sviluppando le proprie capacità empatiche e grazie all’esercizio fisico sarà possibile “entrare” in sintonia e quindi “incidere” sulle modalità di cambiamento motivando senza forzare scelte e cambi di abitudini. L’attività quindi diventa veicolo per il miglioramento, con meno attenzione al lato meramente fisico, ma più su quello dell’equilibrio nelle scelte positive durante tutto l’arco della giornata, non solo lavorativa.

FLESSIBILITÀ NELLE PROPOSTE
Come ovvio il focus di Matrix Fitness è quello della vendita di attrezzature e della diffusione delle stesse in canali complementari a quello dei Club che ci vede già leader internazionali. Non riteniamo però che nel caso specifico si debba necessariamente forzare all’acquisto un settore che in prima battuta deve sviluppare una consapevolezza verso la proposta di attività fisica controllata. Per flessibilità nelle proposte si intende un Corporate Trainer che sia in grado di combinare le attività necessarie al miglioramento del contesto sia ambientale che delle strumentazioni a disposizione. Gli esercizi necessari per migliorare postura o flessibilità durante l’orario di lavoro non richiedono macchinari e non sono necessariamente da effettuare in aree riservate; la fotocopiatrice, la scrivania, la proprio sedia sono di per sé strumenti per l’esercizio. Ecco che quindi il progetto Corporate Wellness insieme al Corso di formazione in Corporate Trainer si propone sul mercato con la prerogativa di rappresentare la base per aumentare consapevolezza e competenze dell’utente finale per poi accompagnarlo nel percorso delle attività più “specializzate”. Anche la scelta delle attrezzature deve essere sempre condizionata da una analisi attenta delle effettive esigenze ottimizzando le soluzioni e le piattaforme.

Letto 338 volte
Altri articoli in questa categoria: « Kettlebell 3x3 La validità dei diplomi FIF / ASI »

Lascia un commento

Verifica che tutti i dati nei campi con (*) siano inseriti. Non è permesso l'inserimento di codice HTML.