Sirtuine e dieta sirt

Scritto da Marco Neri

IL RUOLO DELLE “PROTEINE ANTI-AGING E GLI EFFETTI ANTIOSSIDANTI E DISINTOSSICANTI DEI “CIBI SIRT”

Già da qualche tempo (2015 circa) si parla dei benefici delle Sirtuine, una famiglia di “proteine anti-aging” che regolano il metabolismo energetico, l’apoptosi cellulare, la riparazione del DNA, la rigenerazione tissutale e modulano positivamente l’infiammazione. Con la loro attivazione si ottiene quindi longevità, calo di massa grassa, prevenzione malattie metaboliche.

Se ne conoscono 7 e ciascuna ha delle prerogative specifiche.

• La SIRT 1 è localizzata nel nucleo e ripara danni al DNA, regola gluconeogenesi, lipolisi e resistenza allo stress ossidativo. Controlla la secrezione dell’insulina e l’omeostasi del colesterolo.
• La SIRT 2 è localizzata nel Citoplasma ma ritrovabile anche nel nucleo. Regola il ciclo cellulare e la promozione della lipolisi negli adipociti. Controlla la neurodegenerazione.
• La SIRT 3 si trova nei mitocondri e svolge un ruolo di controllo sugli enzimi legati alla regolazione dell’attività mitocondriale. Regola l’apoptosi e svolge un ruolo di difesa nei confronti dello stress ossidativo.
• La SIRT 4 si trova nei Mitocondri ed ha un ruolo centrale nella secrezione dell’insulina e di tutto il metabolismo del glucosio. Modera il catabolismo muscolare.
• La SIRT 5 si trova nei mitocondri e controlla il ciclo dell’urea ed il metabolismo dei grassi e aminoacidi.
• La SIRT 6 si trova nel nucleo e concede stabilità genomica con funzioni riparatrici del DNA. Regola il metabolismo di glucosio e lipidi e svolge un ruolo antinfiammatorio.
• La SIRT 7 si trova nel nucleo regola l’attività dei Ribosomi (fondamentali per “leggere” le informazioni contenute nella catena di RNA messaggero). Svolge un ruolo antitumorale.

Leggendo quanto detto se ne capisce l’importanza e ancora più interessante il fatto che le Sirtuine possano essere stimolate dall’alimentazione, questo in quanto ci sono cibi che ne attivano l’efficacia, ma va detto che non è così facile anche perché tutti i meccanismi di azione delle Sirtuine non sono così chiari. Certamente si è visto come un corretto stile di vita (ritmi sonno-veglia) e l’attività fisica costante e continuativa siano presupposti per la loro attivazione ma, udite udite, anche la restrizione calorica svolge un ruolo centrale. Alla luce di queste considerazioni da alcuni anni si parla di DIETA SIRT della quale è certamente utile conoscerne i presupposti. L’alimentazione proposta al momento non ha particolari studi a supporto ma è stata ideata da 2 nutrizionisti Inglesi Aidan Goggins e Glen Matten che hanno scritto il libro “Sirt - La Dieta del Gene Magro”.

Nella PRIMA FASE si tratta di fare una detox con forte restrizione calorica. Durata 1 settimana.

- Nei primi 3 o 4 giorni occorre ridurre drasticamente le calorie (spesso meno di 1000) consumando 3 pasti al giorno a base di ESTRATTO O SUCCO VERDE + un pasto solido. Questo ESTRATTO VERDE consiste in un centrifugato con 75/100 g di cavolo riccio, 30/40 grammi di rucola e 5/10 grammi di prezzemolo. Si aggiungono 150/200 grammi di sedano verde con le foglie e mezza mela verde. Alla fine si aggiunge la spremuta di mezzo limone spremuto e ½ - 1 cucchiaino di tè matcha
- Nei restanti giorni per concludere la prima settimana si riducano a 2 i pasti con l’ESTRATTO VERDE e si fanno 2 pasti solidi. I pasti solidi suggeriti sono essenzialmente a base di verdura e proteine magre a bassi grassi ,quindi carni bianche, pesci magri; ammesso il tofu e legumi come le lenticchie e fagioli.

Nella SECONDA FASE della dieta SIRT, che dura almeno 3 settimane non ci sono particolari limitazioni di peso negli alimenti ma solo una selezione della tipologia, fra questi cavolo riccio, vino rosso, fragole, cipolle, soia, prezzemolo, olio extravergine d’oliva, cioccolato fondente (minimo 85% di cacao), tè verde matcha, grano saraceno, curcuma, noci, rucola, peperoncino, levistico (una pianta aromatica), datteri , radicchio rosso, mirtilli, capperi, caffè. Questi alimenti vanno abbinati a 1 o 2 pasti al giorno a base di proteine magre come il pesce, la soia, le carni bianche, le uova. A questo punto l’alimentazione può essere modulata anche ripetendo per qualche giorno la fase detox o inserendo 1 pasto al giorno con l’ESTRATTO O SUCCO VERDE. Le considerazioni da fare sono diverse dove certamente il primo concreto dimagrimento si ha nella prima parte (3/3,5 kg) dove è lecito pensare che il brusco cambio di alimentazione e calo di calorie porti ad una grossa perdita di acqua e glicogeno. Poi nelle altri suoi punti rimane una dieta “modaiola” non così facile da fare ma che pone l’attenzione sui Polifenoli e sulla Quercitina, molecole che vengono sempre più valutate per la salute e l’efficienza fisica. Al momento mancano studi scientifici sull’efficacia di questa tipologia di scelta alimentare e non ci sono prove che l’uso costante di questi alimenti denominati SIRT FOOD portino realmente ad aumenti delle Sirtuine con effetti misurabili. Quindi il ruolo delle Sirtuine nella salute umana è stato ipotizzato ma ancora non chiarito e, soprattutto, esistono farmaci che attivano le Sirtuine ma ancora non si sa quanto effettivamente lo possano fare gli alimenti. Tutto sommato, visto il breve periodo di prova che questa scelta propone i rischi non sono particolarmente alti, ma per ottenere dei risultati certi sia sull’invecchiamento che sul dimagrimento le chiavi certe rimangono l’attività fisica, il non abuso di quantitativi di cibo e la scelta di cibi freschi con grande varietà di molecole antiossidanti e disintossicanti. I “cibi Sirt” rientrano fra le categorie positive ma certamente possono essere analizzati in diverse modalità di approcci alimentari.

Letto 143 volte Utima modifica effettuata Mercoledì, 15 June 2022 10:32

Lascia un commento

Verifica che tutti i dati nei campi con (*) siano inseriti. Non è permesso l'inserimento di codice HTML.